La scomparsa del Maestro della Pop Art

La scomparsa del Mestro della Pop Art

Il 20 luglio 2015 si è spenta una stella che ha reso più allegro e più colorato il firmamento del magico mondo dell’abbigliamento internazionale.

Lo stilista milanese Elio Fiorucci, geniale innovatore della moda cosmopolita, è venuto a mancare in solitudine, stroncato da un improvviso malore nella sua casa di Milano.

Aveva compiuto 80 anni, ma la sua scomparsa ha colto parenti ed amici di sorpresa poiché godeva di ottima salute, ancora partecipe della sua attività creativa con freschezza e con vivacità.

Con Fiorucci viene a mancare uno dei più amati e stimati artefici del made in Italy che ha contribuito ad innalzare l’immagine dell’Italia a capitale mondiale della moda. La sua storia è simile a quella di altri insigni pionieri dell’imprenditoria, uomini caratterizzati da intuizione da lungimiranza e da coraggio industriale.

Alla fine degli anni 60 rivoluzionò la moda ispirato dalla forza del colore e della Pop-Art scardinando le regole classiche della moda borghese e rendendo la sua giovanile produzione alla portata di tutti.

Il percorso di un uomo che ha cambiato il modo di vestirsi  inventando l’unisex, le felpe e le T-shirt. Altrettanto esplosive le borse: di pelle di tessuto , di plastica o di paglia sempre contraddistinte dall’inconfondibile look di provocazione e colore. Vi sono molti modi per valutare la grandezza di un uomo: uno è certamente il segno tangibile di ciò che ha lasciato in eredità e in memoria al genere umano, ma il migliore è di sicuro il ricordo istintivo che si può coglierenelle parole della gente.

Video

https://www.youtube.com/watch?v=oX3iJIK4TX0
Chiudi il banner dei cookies

Cliccando su OK accetti le cookies policies. Navigando in qualsiasi parte del sito dichiari di accettare l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui